7 Bellezze di Lodi in Pillole | Immobiliare Maria Pannone

Questo post raccoglie le bellezze di Lodi in pillole, 7 occasioni da non perdere, per scoprire monumenti, palazzi e scenari naturali che abbiamo a portata di mano e a cui spesso dimentichiamo di dare il valore e l’attenzione che meritano.

Ok, questo è un blog immobiliare, ma come ti ho spesso raccontato, non c’è modo migliore di vivere la propria città se non alzando gli occhi e godendosi quello che la storia e la natura ci hanno regalato.

Bellezze di Lodi in Pillole: 7 Luoghi che Meritano più di una Visita

#1 Castello Visconteo

C’è lo zampino di Federico Barbarossa nella costruzione del Castello Visconteo, il quale commissionò l’edificio per difendere la più insicura delle porte che permettevano l’accesso a Lodi, Porta Regale.

Nel corso del tempo la struttura è stata rimaneggiata più volte e il Castello Visconteo come lo vediamo oggi risale alla seconda metà del 1300, quando Barnabò Visconti fece erigere quattro torri e le profonde prigioni per tenere al sicuro i suoi nemici.

Castello Visconteo

Ulteriori modifiche vennero commissionate da Francesco Sforza nella metà del 1400 che fece aggiungere lo spigolo a nord e una bella torre tonda.

Se invece vogliamo sapere l’origine del torrione, che nel corso del tempo è diventato uno dei simboli di Lodi, dobbiamo avvicinarci nel tempo e arrivare al 1906, quando l’opera venne edificata per contenere il serbatoio dell’acquedotto comunale.

La storia purtroppo non è sempre gentile con bellezze di Lodi, soprattutto con quelle architettoniche e sotto la dominazione austriaca il Castello Visconteo venne privato di un bel po’ di elementi, come i fossati, i ponti levatoio e un intero lato, per essere trasformato in caserma.

Oggi questa struttura storica ospita la questura della polizia e nelle sue profondità ci sarebbero dei cunicoli nascosti, ad avvallare la teoria che tutta Lodi sia attraversata da gallerie sotterranee che conducono fuori le mura di cinta.

#2 Porta Cremonese (o Porta Cremona)

Le porte esistono soprattutto per essere aperte, per accogliere e lasciare entrare la luce, il vento, gli altri. Noi.
– Andrea Marcolongo.

Ho già premesso che vivere una città non significa solo lavorarci, ma alzare gli occhi e riconoscere quelle che sono le sue bellezze e i doni che la storia ci ha portato nel corso del tempo.

porta cremonese lodi

Porta Cremonese (o Cremona), è l’ultima delle porte antiche rimaste in città e presenta 3 ingressi o fornici. Quello centrale veniva un tempo impiegato dai carri con le merci e ai nobili a cavallo, mentre i portoni più piccoli laterali erano riservati ai pedoni.

Porta Cremonese veniva un tempo chiusa al tramonto con un portone di legno e il monumento come lo vediamo oggi è frutto di un completo rifacimento realizzato alla fine del 1700 dall’architetto Antonio Dossena.

Quante storie e persone ha visto passare sotto i suoi archi questa porta… che ha anche rischiato di essere abbattuta dopo la Seconda Guerra Mondiale, perché considerata poco utile alla viabilità.
Grazie al suo valore storico la porta è stata però sottoposta a vincoli e quindi tutelata.

Oggi Porta Cremonese è un monumento ben conservato e poco distante si possono osservare i resti del castello che era stato eretto dal Barbarossa e successivamente distrutto dai milanesi.

Il consiglio? La prossima volta che ci troviamo a passeggiare in questa zona possiamo attraversare una delle bellezze di Lodi più storiche, che è lì pronta a vegliare la città con con le sue colonne doriche, le sue cornici e i suoi tre storici archi.

#3 Piazza della Vittoria

Cuore di Lodi, luogo di incontri e simbolo della ciità, Piazza della Vittoria è la cornice che ospita il Broletto, il palazzo Municipale e il Duomo con il suo conosciuto rosone.

Nuova Rubrica: Alla Scoperta di Lodi e delle sue Bellezze

I portici che circondano Piazza della Vittoria sono sicuramente uno dei suoi pezzi forti è l’essere una delle pochissime piazze al mondo porticate su tutti i quattro lati con una pianta romboidale quadrata.

L’atmosfera che questa piazza crea è quindi frutto di una sapiente progettazione, rara da incontrare altrove, anche perché i suoi palazzi hanno delle facciate molto ridotte, come richiesto dal lotto gotico che qui è splendidamente rappresentato.

piazza della vittoria lodi

E infine il pavimento, su cui spesso camminiamo senza concedergli al giusta attenzione: si tratta del ricciato lombardo, realizzato con ciottoli di fiume e risalente alla seconda metà del 1400.

#4 Santa Chiara Nuova a Lodi

Gioiello storico e architettonico della città, Santa Chiara Nuova a Lodi ha vissuto un’importante ristrutturazione ed oggi visitabile solo in alcune porzioni.

Datata 1459, Santa Chiara Nuova ha ospitato il convento delle suore Clarisse e nei secoli si è arricchita di caratteri gotici e barocchi, nonché di nuove costruzioni, come la chiesetta collegata, che è stata eretta nel ‘700.

santa chiara nuova lodi

Al suo interno si trova il centro studi Ada Negri e una parte del complesso è utilizzata per eventi musicali e culturali.

#5 Palazzo Villani 

Palazzo Villani è una costruzione cinquecentesca che apparteneva all’omonima casata e che ha tutt’oggi conservato il portale a colonnato e la splendida facciata.

Il palazzo si trova nel centro città, in via Garibaldi, vanta una splendida facciata in stile manieristico  con tre ordini orizzontali sul fronte suddivisi dalle cornici marcapiano.

palazzo villani lodi

Notevole è l’ingresso del palazzo, con il suo portale decorato da elementi classici, ma la parte più scenografica è sicuramente lo scalone d’onore che si trova al suo interno: una struttura realizzata con un padiglione con decori floreali, balaustra in pietra arenaria e pannelli con mascheroni.

#6 Il Parco Tecnologico Padano

Parco Tecnologico Padano: L’Innovazione Internazionale A Lodi

Dalle bellezze di Lodi più antiche facciamo un salto nel tempo al 2005, anno in cui è stato realizzato il Parco Tecnologico Padano punto di riferimento per i settori dell’agroalimentare, della bioeconomia e delle scienze della vita in tutta Italia.

Lo inseriamo nelle bellezze di Lodi perché è un edificio di grande pregio architettonico, che ospita un centro di ricerca e di incubazione per le imprese innovative.

parco tecnologico padano

Il Parco Tecnologico Padano si trova in via Einstein a Lodi, in località Cascina Codazza e oltre ai laboratori e ai centri di ricerca ospita temporary office, spazi per il coworking, sale riunioni, uffici residenziali, sale convegni .

Tutti questi spazi possono essere fruiti da studenti e lavoratori, per fare rete e vivere la città nella sua veste più innovativa.

#7 Parco Adda Sud

Dai monumenti alla tecnologia, dai palazzi storici alle bellezze naturali: il Parco Adda Sud di cui ti ho parlato in questo post  si estende lungo il corso dell’Adda e arriva fino alla foce del Po, abbracciando le due provincie di Lodi e di Cremona.

Presenta splendide aree naturalistiche e in molti scorci sembra proprio che il tempo si sia fermato!

parco adda sud

Si tratta di un’area protetta e di una culla architettonica, perché lungo il percorso si possono incontrare interessanti esempi di cascine rurali e rustici, edifici del ‘900, che sono oggi la testimonianza architettonica rurale del territorio.


Stai cercando casa a Lodi? Vuoi ricevere una valutazione immobiliare professionale sull’immobile che vuoi vendere? Sono a tua disposizione con il mio servizio di compravendita immobiliare, contattami al numero 338 5368 856 o scrivimi un messaggio cliccando su questo link. 

Shares
Share This