La detrazione della provvigione pagata all’agenzia immobiliare può essere detratta dal modello 730, ecco quindi una semplice guida per chiarire dei punti chiave e procedere in modo semplice all’inserimento della voce nella dichiarazione.

Detrazione provvigione agenzia immobiliare: solo per la prima casa

Innanzitutto è importante considerare che la detrazione provvigione agenzia immobiliare spetta solo nel caso di acquisto di abitazione da adibire a prima casa e si tratta di spese detraibili nella misura del 19% su un importo massimo di 1000 euro.

Altrettanto importante è considerare che è possibile detrarre la spesa effettuata se l’acquisto dell’immobile è stato effettivamente concluso e in caso di stipula del contratto preliminare è necessario averlo registrato per poter usufruire della detrazione.

Tipologie di immobili acquistati per cui è possibile richiedere la detrazione:

La detrazione della provvigione versata all’agente immobiliare può essere richiesta a condizione che la casa acquistata sia la adibita ad abitazione principale, quindi la casa dove il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente.

Solo chi ha acquistato ha diritto a chiedere la detrazione, quindi non chi vi dimora e nemmeno chi ha venduto la casa. Inoltre la detrazione non spetta qualora le spese siano state sostenute nell’interesse dei familiari che sono fiscalmente a carico.

E se la casa è acquistata da più persone?

Bella domanda! In questo caso la detrazione, sempre nel limite dei 1000 euro va ripartita calcolando la percentuale di proprietà che è stata acquisita.

Attenzione, perché la fattura dell’agente immobiliare può essere:

  • Intestata a un solo proprietario e l’immobile è in comproprietà: in questo caso per permettere anche al comproprietario di detrarre le spese della provvigione dell’agente immobiliare è necessario integrare il documento, inserendo i suoi dati;
  • Intestata al proprietario e un’altra persona (o più) ma immobile di un unico proprietario, bisogna indicare nella fattura che l’onere di intermediazione è stato pagato solo dal proprietario;
  • Intestata solo a una persona che però non è proprietaria dell’immobile: in questo caso le spese non possono essere detratte da nessuno.

 

Una parentesi ora sui requisiti che devono avere gli agenti immobiliari perché chi compra casa possa detrarre le spese sostenute per la provvigione.

Gli agenti immobiliari devono essere iscritti come tali e la legge di riferimento è la n. 39 del 1989.

Guida all’inserimento delle provvigioni per l’agente immobiliare nella dichiarazione dei redditi

Le detrazioni per le provvigioni dell’agente immobiliare devono essere inseriti nel quadro E.

I righi di riferimento sono quelli che vanno da E8 a E10 e che portano la dicitura ‘altre spese’

Ecco le informazioni che vanno inserite:

– in colonna 1 il codice 17 che indica proprio i compensi corrisposti agli intermediatori immobiliari

– in colonna 2 i costi che sono stati sostenuti

I documenti da conservare ed eventualmente allegare sono:

– la fattura dell’intermediazione immobiliare avvenuta

– il contratto preliminare registrato

– l’atto di compravendita

Il soggetto che sta effettuando la dichiarazione dei redditi deve conservare tutti i documenti fino al 31 dicembre del quinto anno successivo rispetto a quello della presentazione.

Stai cercando un professionale servizio di compravendita immobili a Lodi e provincia? Chiamami con fiducia al numero 338 5368 856 o scrivimi un messaggio cliccando su questo link. La mia agenzia è a tua disposizione con servizi immobiliari professionali, per vendere casa o trovare quella dei tuoi sogni nel miglior modo possibile.

detrazione provvigione agenzia immobiliare
Share via
Copy link
Powered by Social Snap